La Ceramica

La ceramica

Sonia Mascioli

Ceramista, architetto e arredatrice di interni.

Presidente dell’Associazione Casa delle Donne di Amatrice e Frazioni. Sonia si è avvicinata alla ceramica in un momento molto particolare della sua vita, esattamente dopo il sisma del 24 agosto del 2016 che in 142 secondi ha raso al suolo la sua città, Amatrice. Con altre donne del territorio ha fondato l’associazione Casa delle Donne di Amatrice e Frazioni per far rinascere l’artigianato in un mondo tutto al femminile, per “tornare ad esistere e non solo resistere”. In questo ultimo anno ha realizzato 2 mostre personali e 5 collettive sulla ceramica. Attualmente Sonia è presente al Museo della Ceramica di Ascoli Piceno con 2 opere ispirate alla sua terra: “Risvegli” e “Il tempo dell’Attesa”.

La ceramica della tradizione:

Ad Amatrice, non troviamo una tradizione in questo settore artigianale che negli anni si è mantenuta, le antiche fornaci, situate nell’area di Paganico, furono abbandonate agli inizi del’900, si realizzavano prettamente anfore e contenitori per mantenere olio e vino.

Dalla Transumanza, arriva a noi l’uso del coppo del pastore, la “Scopozza”, ciotola molto profonda, smaltata solo nella parte interna che veniva usata per trasportare il pasto durante le giornate di pascolo. Si narra che furono proprio i pastori transumanti a diffondere l’uso di questo utensile ad Amatrice.

Lungo la via Salaria lo scambio dei prodotti (latte e formaggio), si concludeva con queste ciotole piene di olio ed olive.

La scopozza verrà realizzata presso il nostro laboratorio.

La Ceramica Oggi

Sono partiti i corsi di ceramica presso la Casa delle Donne di Amatrice e Frazione, vi aspettiamo con le nostre proposte di formazione.

Grazie alla realizzazione delle scarpette rosse, abbiamo fatto la prima installazione ad Amatrice presso il parco Don Minozzi  il 25 novembre 2020 “giornata internazionale contro la violenza di genere sulle donne, l’evento “Walk in your shoes”, è stato patrocinato dal Comune di Amatrice e dalla Regione Lazio Pari Opportunità.

“Walk in your shoes”

La realizzazione delle scarpette rosse

La smaltatura a mano

Installazione ed Inaugurazione presso il parco Don Minozzi

Inaugurazione panchina Rossa presso la CDAF

I corsi

Vi aspettano presso la CDAF corsi base ed avanzati per imparare le varie tecniche:

  • lastra
  • colombino
  • modellato

I corsi prevedono la partecipazione sia di adulti che di bambini.

Modellato a lastra:

il primo approccio con l’argilla per imparare a conoscere la materia e la sua straordinaria capacità di trasformarsi in oggetti e forme. Con questo tecnica, si possono realizzare ghirlande, decori, ma anche tazze, bicchieri, porta candele, gli spessori della lastra vengono dati da bacchette di legno  che ci permettono di tirare l’argilla utilizzando un mattarello ottenendo una superficie piana ed omogenea, sono sufficienti 2/3 ore per realizzare piccoli oggetti e decori.

Colombino:

questa tecnica ci permette di realizzare oggetti più complessi, dal vaso, alla scultura, si utilizzano tornielli a mano per sostenere e controllare il pezzo durante la sua realizzazione, spatole e stecche per modellare e rifinire, la fase più importante è quella iniziale della centratura dell’oggetto sul torniello che ci permetterà di tirare su il pezzo perfettamente simmetrico, ogni corso ha la durata giornaliera di 4 ore.

Il Modellato:

sculture o basso rilievi, realizzazione di un busto o di una testa utilizzando una modella dal vero o foto, ogni parte del corpo o del volto viene misurata con appositi strumenti (compassi), si realizza quindi prima un disegno e  poi si dimensiona il nostro blocco di argilla, la realizzazione di una scultura necessità di 2/3 giorni di modellato. Questo corso è adatto a chi ha una formazione base.

La consegna dei manufatti realizzati:

tutti gli oggetti realizzati in ceramica, hanno bisogno di alcuni giorni per asciugarsi:

  • prima cottura a 940 gradi
  • smaltatura a pennello, ad immersione od a spruzzo (fatta dall’insegnante o dai corsisti)
  • seconda cottura a 940 gradi
  • consegna dei lavori