Il Progetto

Contesto storico

Amatrice e le sue frazioni occupano un vasto territorio in ambiente montano che da sempre soffre del lento spopolamento delle provincie a favore dell’esodo verso le grandi città. Un fenomeno questo favorito da una logica di governo che guarda più ai numeri che alla qualità della vita, operando con dissennate politiche di impoverimento delle infrastrutture come scuole ed ospedali. Il presidio di questi luoghi è fondamentale sotto diversi aspetti tra cui i rapporti umani e sociali, la sostenibilità ambientale e la vivibilità del pianeta. Il sisma del 24 agosto, 30 ottobre 2016 e 18 gennaio 2017 sono stati di una forza distruttiva inaudita spezzando la vita di centinaia di persone ed intere famiglie senza distinzione di sorte.

Si dovranno ricostruire strade, ponti, case, ma soprattutto 142 secondi sono bastati per distruggere un tessuto umano e sociale alla base della quotidianità di una piccola città come la nostra. Già dopo 24 ore dal sisma, appariva evidente che il futuro di Amatrice sarà soprattutto legato a quelle attività che sapranno generare delle micro economie in grado di assicurare una permanenza sostenibile alle famiglie del territorio.

Il territorio di Amatrice

L’iniziativa

L’unione fa la forza e le donne di questa terra fortemente consapevoli di ciò, hanno deciso di associarsi creando la “Casa delle Donne di Amatrice e Frazioni”. 

L'idea del gruppo, nasce da un desiderio comune, quello di creare un luogo dove le donne di Amatrice, possano liberamente mettere in atto la loro creatività. Dove più generazioni si incontreranno alla riscoperta delle antiche tradizioni ed alla scoperta delle nuove tecnologie, al fine di creare un polo multifunzionale, un vero e proprio centro dove unire, conoscenze, arte, fantasia, artigianatoo ed economia. Perché Amatrice deve ripartire anche dalle sue donne, impegnate in prima persona nel sociale e nell'economia del proprio territorio.

15781515_1280919788648776_8897285812148420453_n

Le fasi di implementazione

  • costruzione della sede provvisoria
  • arredamento e mezzi per l'avvio
  • allestimento dei laboratori
  • ricerca delle vocazioni artigiane in funzione dei laboratori
  • avvio dei corsi per affinare le tecniche di produzione grazie alle maestranze della Casa delle Donne di Amatrice e frazioni
  • avvio della produzione
  • gestione dei canali di vendita

Scopri le fasi del progetto - clicca qui

Richiedi via mail a info@casadelledonnediamatriceefrazioni.it il progetto in pdf italiano o inglese.

Le persone

La presidente Sonia Mascioli architetto con formazione artistica ed esperienza di lavoro nel restauro di edifici di interesse storico e progettazione di interni.

Vicepresidente: Assunta Perilli archeologa di antiche lavorazioni e tessitrice

Il consiglio direttivo è composto da:

  • Presidente: Sonia Mascioli
  • Vice Presidente: Assunta Perilli
  • Tesoriera: Francesca Nardi 
  • Segretaria: Francesca Romana Brunamonte
  • Consigliera: Samantha Pecci
  • Consigliera: Simona Paoletti 
  • Consigliera: Federica Di Giacomo 
  • Consigliera: Ines Cenfi
  • Consigliera: Marina Gentile
  • E.. ovviamente tutte le socie della Casa delle Donne di Amatrice e Frazioni

Le maestranze e le professionalità coinvolte

I  prodotti artigianali di eccellenza nascono solo grazie al giusto mix di Manualità e Arte e non basandosi su un fai date che rischierebbe di squalificare il progetto. Per questo abbiamo da tempo legato una stretta collaborazione con persone di sicuro riferimento per queste qualità :

Angelo Bellobono : artista romano da tempo impegnato in iniziative che aiutino le popolazioni disagiate a far ripartire le proprie microeconomie. Degno di nota il suo lavoro sulle montagne dell’Atlas in Marocco. Si occuperà di coordinare un gruppo di artisti suoi colleghi che si sono resi disponibili con la loro creatività a contribuire al nostro progetto.

www.angelobellobono.com

https://www.youtube.com/watch?v=gT1DIb1a8LM

www.atlasnowproject.com

 

 

Assunta Perilli : Archeologa e studiosa delle antiche tecniche di tessitura è una affermata artigiana con la sua Fonte della Tessitura a Campotosto a circa 20 km da Amatrice ed ha voluto dare il suo contributo oltre che partecipare attivamente al progetto diventando la vicepresidente.

https://it-it.facebook.com/public/Assunta-Perilli

tessituraamanodiassuntaperilli.blogspot.com

 

Luana Perilli : seppur stesso cognome non è legata ad Assunta e si è messa a disposizione con la sua esperienza di artista della ceramica per insegnare a produrre una nuova linea di articoli in ceramica grazie all’estro che la contraddistingue. Insegna all’Accademia delle Belle arti di Roma.

www.luanaperilli.com

 

Margherita Grasselli : artista e scultrice di statue in ceramica con particolare predisposizione ai soggetti femminili.

www.margheritagrasselli.it

 

Sonia Mascioli : oltre ad essere la presidente della Casa delle Donne di A & F è un architetto di formazione artistica, specializzata in restauro di edifici storici e arredamento di interni . Coordinerà la costruzione della sede e lavorerà al fianco delle maestranze per le scelte artistiche e produttive.

 

Massimiliano Muscio : architetto strutturista si occuperà della progettazione strutturale della sede.

www.mmstudioarch.it